Primo appuntamento della Federazione della Sinistra ad Enna

fed2

Per un nuovo inizio: costruiamo insieme la Federazione della sinistra di alternativa in ogni parte della Sicilia

In questi giorni, dopo un lungo lavoro preparatorio, iniziano in tutta l’isola assemblee di discussione del progetto della federazione della sinistra di alternativa. E’ una grande occasione di confronto e di iniziativa in un momento cruciale.
La Sicilia sta vivendo una delle fasi più drammatiche della sua storia. La crisi e l’uso politico di essa da parte di governo e confindustria rischiano di azzerarne l’apparato produttivo, aumentano esponenzialmente i livelli di precarietà, si riattivano flussi crescenti di emigrazione. Un attacco violento colpisce il sistema pubblico dell’istruzione, della ricerca, della cultura. Migliaia di lavoratrici e lavoratori vengono espulse/i dalla scuola, le giovani e giovanissime generazioni siciliane vedono drammaticamente restringersi le occasioni formative, la vivacità culturale trova spazi sempre minori.
La tragedia di Messina dimostra che in Sicilia è in atto una autentica catastrofe ambientale. Il territorio così come l’acqua , l’energia e la gestione del ciclo dei rifiuti sono al centro di gigantesche operazioni speculative. L’insostenibile progetto del ponte sullo stretto è la compiuta metafora di questo atteggiamento criminale nei confronti dell’ambiente.
Le classi dirigenti siciliane  sono protagoniste di una violenta faida si estende in ogni territorio, devastando ogni residua funzionalità di tutti i rami della pubblica amministrazione. Continua a leggere

La Lista Comunista in provincia di Enna

Dato provinciale: affluenza 47,53%, voti 1860 pari al 2,78%

preferenze:prcpdci

Margherita Hack – 471

Giusto Catania – 240

Lina Russo –  157

Renata Governali – 123

Laura Stochino – 82

Pierpaolo Montalto –  56

Anna Bunetto – 41

Alessandro Corona – 13

Nei singoli comuni (tra parentesi l’affluenza): Agira (43,78%) 164 – 5,35% / Aidone (72,04%) 50 – 1,78% / Assoro (61,36%) 98 – 3,98% / Barrafranca (43,58%) 88 -1,82% / Calascibetta (46,65%) 80 – 4,20% / Catenanuova (47,12%) 16 – 0,88% / Centuripe (50,18%) 32 – 1,21% / Cerami (47,06%) 11 – 1,21% / Enna (51,04%) 365 – 3,24% / Gagliano (49,95%) 20 – 1,27% / Leonforte (45,03%) 168 – 3,42% / Nicosia (46,85%) 60 – 1,13% / Nissoria (46,22%) 52 – 4,73% / Piazza Armerina (43,45%) 110 – 1,51% / Pietraperzia (45,66%) 43 – 1,54% / Regalbuto (40,19%) 88 – 3,03% / Troina (51,19%) 312 – 7,93 / Valguarnera (41,25%) 55 – 1,87% / Villarosa (48,73%) 48 – 2,43% /

Grazie a tutti: Su la testa!

Ferrero, Diliberto, Salvi: Appello al voto

Su la testa!!!!!!!!!

FERRERO, PRC: BERLUSCONI, QUANTI SPRECHI IN AEREI DI STATO PER ATTRICETTE SI POTREBBERO USARE PER POTENZIARE I SERVIZI SOCIALI?

ferrero_lowOggi, in un’iniziativa pubblica che ho tenuto a Rozzano, in provincia di Milano, ho incontrato molte famiglie di portatori di handicap che denunciavano l’assenza o la carenza dei servizi alla persona e il peso enorme di rette chieste per i servizi offerti di gran lunga maggiori agli assegni familiari che offre lo Stato. Non voglio pensare a quante
rette e quanti servizi sociali si potrebbero pagare con gli sprechi dei soldi riscontrati sui voli di aerei di Stato che il premier Berlusconi usa per portare in giro amiche e attricette alle sue feste e alle sue ville, ma so che sarebbero tanti. La moralità pubblica di un Paese si misura anche da questo, da quanti soldi per servizi sociali si potrebbero utilizzare per normali ma bisognosi cittadini e quanti vengono invece sperperati in abusi di potere e uso sporco e privo di qualunque dignità e moralità del potere stesso, magari solo per avere in cambio favori dalla dubbia se non inesistente moralità.

GIUNTA SICILIANA BIS: CONFERMATI GLI ASSETTI DI POTERE, IL PD NON SI LASCI AFFASCINARE

prcpdci“La montagna ha partorito il topolino: la rivoluzione autonomistica annunciata da Raffaele Lombardo in realtà riproduce consolidati assetti di potere con qualche nome paravento, lo dichiara Giusto Catania, eurodeputato di Rifondazione Comunista. Non mi pare che ci siano le condizioni per continuare a tenere in piedi un governo della regione ormai morto. Lo scontro con l’UDC e con un pezzo del PDL rappresenta ormai la fine di questa esperienza di governo.
Si vada immediatamente a votare anche perché questo governo non ha più una maggioranza parlamentare a meno che il Partito Democratico non scelga di fare la stampella di Raffaele Lombardo. Speriamo – conclude Catania – che il PD non si faccia affascinare dal nome di qualche assessore che, in realtà, rappresenta solo uno specchietto per le allodole.

Intervista a Paolo Ferrero ad Arezzo

Ferrero 08-Segretario, ha ancora senso dirsi comunisti?
Certo, non solo dirsi, ma anche esserlo, perché il capitalismo si sta dimostrando un sistema fallimentare nel quale la ricchezza corrisponde ad un enorme aumento delle ingiustizie, sia tra nord e sud del mondo che negli stessi paesi del nord del mondo. Quindi ha molto senso porre il problema di come si può cambiare il sistema radicalmente, per far sì che non sia guidato dal profitto di pochi, ma dal benessere della maggioranza, che è appunto il comunismo. Secondo me dirsi comunisti ha molto più senso oggi che non cento anni fa. Continua a leggere

Politica e contraddizioni

di Armando Petrini *

su Liberazione del 19/05/2009

Le bugie, in politica, hanno ancora le gambe corte? Ogni tanto vien da dubitarne. In questa difficile ma decisiva campagna elettorale sembra proprio che ciascuno possa dire tutto e il contrario di tutto. Senza – e questo è il dato più preoccupante – che la cosa riesca ad apparire davvero degna di nota. Continua a leggere