Comizio di Paolo Ferrero in tre lingue (italiano, piemontese e occitano)

Nell’ambito della manifestazione contro il razzismo e contro i padroni indetta dalla Federazione della Sinistra, Paesana (Cuneo), 10 settembre 2010.

Audio di Radio Radicale. http://www.radioradicale.it/scheda/310746?format=32

Annunci

FERRERO: HO DATO MANDATO AI MIEI LEGALI DI QUERELARE GASPARRI PER DIFFAMAZIONE. LA DESTRA CERCA IN TUTTI I MODI DI IMPEDIRE LA COSTRUZIONE DELL’ALLEANZA DEMOCRATICA PERCHE’ LA TEME: RAPPRESENTEREBBE LA LORO SCONFITTA.

COMUNICATO STAMPA – Leggo da una agenzia che Gasparri afferma “Se Ferrero si allea con Bersani, Bersani si allea con le ex brigate rosse”. Vista la gravità dell’affermazione  ho dato mandato ai miei legali di querelare Gasparri per diffamazione. Per adesso viviamo ancora in una Repubblica democratica e Gasparri non può permettersi di diffamare impunemente il Partito della Rifondazione Comunista e il suo Segretario. Evidentemente la destra sa benissimo che una Alleanza Democratica tra la sinistra e il PD può mandare a casa Berlusconi e cerca in tutti i modi di evitare che questa alleanza si realizzi. Ma proprio per battere una volta per tutte questo modo di fare politica, ampiamente utilizzato già nei casi Boffo e Fini, è assolutamente necessaria una Alleanza Democratica che sconfigga nelle urne e nel Paese questa destra berlusconiana”.

Intervista a Paolo Ferrero -“Non saremo nelle liste però di alleanze si parla”

Intervista a Paolo Ferrero

di M.Gu. dal Corriere della sera dell’11 settembre 2011

Pur di sconfiggere Berlusconi, è disposto al allearsi “anche col diavolo”. Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista e leader della Federazione della sinistra, è “assolutamente pronto” alle elezioni. Non ha ambizioni di governo, ma lavora per costruire in autunno “una grande opposizione sociale”. Dialogando anche con il Pd di Pier Luigi Bersani.

Qualcuno teme che vogliate rifare l’Unione di Prodi.

“Non esiste. Abbiamo già verificato che non funziona. Non abbiamo intenzione di partecipare all’Ulivo: è un’ipotesi moderata. Noi siamo per aggregare tutta la sinistra fuori dall’Ulivo. Vogliamo stringere un patto democratico con il Pd, anche se abbiamo differenze molto pesanti. Ma non entreremo nelle liste di Bersani. Tra l’altro, nessuno ce lo ha proposto” Continua a leggere

Ferrero a Vendola: Ci vuoi morti?


Alla “Festa Rossa”, la prma festa della Federazione della Sinistra di Trieste, Paolo Ferrero Segretario di Rifondazione Comunista tratta lungamente del rapporto con Nichi Vendola che si è candidato a Premier del centrosinistra. Servizio di Libera.tv

Paolo Ferrero a Omnibus (La7)

Puntata del 28 luglio 2010 “La nuova FIAT di Marchionne. Newco, contratti, stabilimenti” (per vedere la puntata clikkare sul link di seguito)

http://www.la7.tv/richplayer/index.html?assetid=50185741

Anteprima Liberazione di giovedì 22 luglio – Intervista a Paolo Ferrero: «Saremo in piazza con la Fiom, deve parlare chi non ha voce»

di Frida Nacinovich
Segretario Ferrero, perché proponi una manifestazione in autunno? Tutti dicono che le manifestazioni non vanno più di moda.
La straordinaria raccolta delle firme per la ripubblicizzazione dell’acqua – un milione e quattrocentomila – il dignitosissimo “no” dei lavoratori di Pomigliano dicono che c’è una parte di paese per nulla soddisfatta di come vanno le cose. Uomini e donne che vorrebbero cambiare le cose ma non sanno come fare. La loro è una domanda politica, l’espressione di un disagio sociale che però ha difficoltà ad emergere. La manifestazione può essere un luogo adatto, un catalizzatore, una prima risposta. Continua a leggere

«Caro Nichi, vieni in piazza con noi»

Intervista a Paolo Ferrero

di Giorgio Salvetti per il manifesto 20/07/2010

«Non siate con ansietà sollecita del domani che a ogni giorno basta il suo affanno». Paolo Ferrero risponde così, con una citazione della Bibbia che gli è cara, alla candidatura alle primarie di Nichi Vendola. Il senso è (quasi) evidente: prima bisogna far cadere Berlusconi e poi si potrà eventualmente parlare di primarie. Il segretario del Prc però non ha intenzione di polemizzare con il compagno Nichi, anche se ormai tra le due anime della sinistra volano insulti. Ferrero, invece, prova a rinnovare l’invito a costruire una manifestazione unitaria per settembre: contro il cavaliere e contro la logica di Confindustria simboleggiata da Marchionne. Continua a leggere