Presentazione del libro di Giusto Catania “Mondo bastardo”

9 gennaio 2010 – Piazza Armerina –
Presentazione del libro di Giusto Catania “Mondo bastardo” il 9 gennaio 2010 alle ore 17,30 a Piazza Armerina (En), presso Red Coffee, via Leonardo da Vinci (uscita per Mirabella) presentazione del libro di Giusto Catania “Mondo bastardo” ne discute con l’autore Salvatore Giordano, insegnante e scrittore.

Bookmark and Share

GOVERNO REGIONALE, GIUSTO CATANIA (PRC): “SCELTA SCIAGURATA DEL PD.” APPELLO A RITA BORSELLINO: “ESCA DAL PARTITO E COSTRUISCA L’OPPOSIZIONE CON NOI”

“Raffaele Lombardo, nel formare il suo nuovo governo regionale, si è limitato a sostituire due assessori legati a Schifani ed Alfano con due fedelissimi di Antonello Cracolici.”

Lo afferma Giusto Catania, membro della Direzione Nazionale di Rifondazione Comunista, il quale ritiene che “la scelta del Partito democratico di fare la stampella a Lombardo è sciagurata e rischia di consegnare la Sicilia, per i prossimi decenni, ad un sistema di potere pervasivo e capillare che, oltre a Lombardo, ha il volto di Gianfranco Miccichè e Marcello Dell’Utri. L’attuale governo regionale è espressione di una politica che si alimenta dentro la gestione del potere ed evidentemente il Partito Democratico ha deciso di co-gestire i nuovi assetti clientelari della Regione Siciliana, ingoiando pure il rospo della conferma di Armao. Continua a leggere

Giusto Catania a LiveSicilia: “Vergognosi gli inciuci alla Regione”

di Miriam Di Peri

Dal mondo della pubblica istruzione alla crisi della politica regionale Giusto Catania, già consigliere comunale al comune di Palermo dal 1997, assessore alla cultura nel 2000 ed eurodeputato dal 2004 al 2008, oggi militante di Rifondazione Comunista, si racconta a Livesicilia.

Da eurodeputato a professore, qualcuno direbbe dalle stelle alle stalle: è stato traumatico?
Per niente e lo dico senza falsi moralismi. La politica per me è sempre stata una passione, mai una professione. Amo il mio lavoro perché mi permette di essere una persona libera. E poi insegnare, a differenza di quanto sostiene il ministro Gelmini, è comunque fare politica. Continua a leggere

La Lista Comunista in provincia di Enna

Dato provinciale: affluenza 47,53%, voti 1860 pari al 2,78%

preferenze:prcpdci

Margherita Hack – 471

Giusto Catania – 240

Lina Russo –  157

Renata Governali – 123

Laura Stochino – 82

Pierpaolo Montalto –  56

Anna Bunetto – 41

Alessandro Corona – 13

Nei singoli comuni (tra parentesi l’affluenza): Agira (43,78%) 164 – 5,35% / Aidone (72,04%) 50 – 1,78% / Assoro (61,36%) 98 – 3,98% / Barrafranca (43,58%) 88 -1,82% / Calascibetta (46,65%) 80 – 4,20% / Catenanuova (47,12%) 16 – 0,88% / Centuripe (50,18%) 32 – 1,21% / Cerami (47,06%) 11 – 1,21% / Enna (51,04%) 365 – 3,24% / Gagliano (49,95%) 20 – 1,27% / Leonforte (45,03%) 168 – 3,42% / Nicosia (46,85%) 60 – 1,13% / Nissoria (46,22%) 52 – 4,73% / Piazza Armerina (43,45%) 110 – 1,51% / Pietraperzia (45,66%) 43 – 1,54% / Regalbuto (40,19%) 88 – 3,03% / Troina (51,19%) 312 – 7,93 / Valguarnera (41,25%) 55 – 1,87% / Villarosa (48,73%) 48 – 2,43% /

Grazie a tutti: Su la testa!

Ferrero, Diliberto, Salvi: Appello al voto

Su la testa!!!!!!!!!

GIUNTA SICILIANA BIS: CONFERMATI GLI ASSETTI DI POTERE, IL PD NON SI LASCI AFFASCINARE

prcpdci“La montagna ha partorito il topolino: la rivoluzione autonomistica annunciata da Raffaele Lombardo in realtà riproduce consolidati assetti di potere con qualche nome paravento, lo dichiara Giusto Catania, eurodeputato di Rifondazione Comunista. Non mi pare che ci siano le condizioni per continuare a tenere in piedi un governo della regione ormai morto. Lo scontro con l’UDC e con un pezzo del PDL rappresenta ormai la fine di questa esperienza di governo.
Si vada immediatamente a votare anche perché questo governo non ha più una maggioranza parlamentare a meno che il Partito Democratico non scelga di fare la stampella di Raffaele Lombardo. Speriamo – conclude Catania – che il PD non si faccia affascinare dal nome di qualche assessore che, in realtà, rappresenta solo uno specchietto per le allodole.

Edoardo Sanguineti – “Serve una lista comunista”

sanguineti1Intervista di Cosimo Rossi a Edoardo Sanguineti Poeta e critico, Liberazione, 14/05/09

La sinistra affronta le prossime europee sempre lacerata e litigiosa. C’è modo di invertire questo senso si marcia?
Insieme ad altri siamo impegnati perché in questa tornata elettorale vi sia un’affermazione significativa delle forze di sinistra disperse in un’area che è intenzionalmente emarginata. Io condivido e sostengo questo sforzo per sostenere la lista comunista, affinché le forze vecchie e nuove di sinistra che hanno operato in modo disorganico si trovino collegate, per consentire alla sinistra di affrontare la sfida. Questo coincide per me con quello che avevo elaborato quando per le primarie genovesi avevo raccolto appunto le forze della sinistra suscitando anche molti contrasti e polemiche. Continua a leggere