Federazione della Sinistra: “un’ARS paludosa, subito lo scioglimento”

Le dichiarazioni di Lombardo all’ARS e il clima velenoso di questi giorni, rendono ancora più urgente la fine di questa legislatura, nata con l’affermazione di una maggioranza, i cui esponenti si lanciano l’un l’altro accuse gravissime di mafiosità.

Per quanto ci riguarda un giudizio durissimo li accomuna tutti: Lombardo e Firrarello, così come Miccichè ed Alfano sono protagonisti di pratiche di potere, a Roma, a Palermo ed in ogni parte dell’isola che precludono ogni futuro alla Sicilia. Il PD si assume una pesante responsabilità nel determinare il proseguimento di questa legislatura.

Acquista un sinistro simbolismo la contemporaneità della furibonda lotta di potere all’ARS, con l’ennesimo vertice che conferma il dramma di Termini Imerese.

Chiediamo agli uomini ed alla donne della Sicilia di mobilitarsi per sconfiggere il sistema affaristico-mafioso, per aprire un’altra pagina,sul piano morale, politico e sociale. Per questo saremo in piazza, insieme ad altre forze politiche, all’associazionismo ed ai movimenti sabato a Palermo.

Luca Cangemi (PRC)

Salvatore Petrucci (PdCI)

Concetto Scivoletto (Socialismo 2000)

Pietro Milazzo (Lavoro e solidarietà)

Annunci

Luca Cangemi (PRC): Centorrino, censore berlusconiano

“In una intervista l’assessore Centorrino, ribadisce e accentua il suo pensiero: non bisogna leggere Camilleri, Tomasi di Lampedusa, Sciascia perchè portano sfiga; si apprende dalla stampa che ci sarebbe anche una lista di proscrizione di Lombardo (Verga, De Roberto, Pirandello). Forse basterebbe dire che si dovrebbero occupare d’altro, ma la questione è purtroppo più seria di quanto possa apparire. E’ quanto afferma Luca Cangemi, segretario regionale di Rifondazione Comunista.
“Siamo di fronte ad una manifestazione grossolana,nonostante i titoli accademici dell’illustre professore messinese, ma assai pericolosa di berlusconismo. L’essenza del berlusconismo, sia nella sua versione televisiva che in quella politica, è l’imposizione di una realtà artificiosa, semplificata e ottimistica, in cui i problemi vengono rimossi. Continua a leggere

Regione, l’assalto alla “dirigenza”. La denuncia del Prc

Dichiarazione di Luca Cangemi, Segretario regionale siciliano PRC

E’ già possibile dare un giudizio sulle iniziative del Lombardo Ter , il cosiddetto “governo  delle riforme”,  in merito al decisivo capitolo della gestione della macchina amministrativa della regione, in particolare riguardo alle sue posizioni di vertice.  E’ un giudizio che non può che essere durissimo. Siamo in presenza di una impressionante sequela di comportamenti illegittimi e devastanti per l’interesse pubblico, frutto di una coerente strategia di colonizzazione degli apparati regionali e del soddisfacimento di interessi particolari. La designazione dei dirigenti generali è stata il festival della violazione di leggi, regolamenti e contratti, buon gusto; a partire da una nomina effettuata  prima ancora delle deleghe assessoriali e senza alcuna procedura di trasparenza e di motivazione. Continua a leggere

“Relazioni pericolose”: manifesto sulla situazione regionale

Nei prossimi giorni la federazione della sinistra affiggerà sui muri di tutta l’isola un manifesto in cui denuncia l’accordo Lombardo-Miccichè-PD che ha prodotto il nuovo governo regionale. Ci sembra necessario da subito spostare tra i cittadini, nelle strade e nelle piazze la denuncia diun’operazione che appare ogni giorno di più pericolosa per il clima degradato che ha accentua nelle istituzioni, per le scelte che annuncia. E “relazioni pericolose” è il titolo che abbiamo scelto per il manifesto.E’ necessario costruire una risposta popolare forte che contrasti il rischio della passivizzazione e del disimpegno di fronte ad una politica che appare sempre più lontania dai cittadini.
Iniziamo una vasta campagna di ascolto e di intervento nei territori per costurire un’alternativa a partire dalle questioni che angosciano siciliani e le siciliane.

Luca Cangemi (PRC), Salvatore Petrucci (PdCI), Concetto Scivoletto (Socialismo 2000)

APPELLO AL POPOLO VIOLA CONTRO GLI INCIUCI PER UNA PRIMAVERA REFERENDARIA CONTRO PRECARIETA’, NUCLEARE E PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA

Cari amici del popolo Viola, salutiamo positivamente la vostra iniziativa e i vostri lavori che terrete a Napoli domani. La manifestazione che avete convocato, alla quale abbiamo aderito, il 5 dicembre è stata senza dubbio un successo perché ha rimesso in piedi un movimento d’opposizione di massa al Governo a difesa della nostra democrazia. Abbiamo sfilato in un reciproco riconoscimento, che ha fatto aumentare la partecipazione di tanti e tante che vogliono un paese diverso. Un modo di lavorare nel quale ognuno si è impegnato con le proprie forze riconoscendo la reciproca autonomia, riempiendo un vuoto che i partiti non riuscivano a colmare. Per quanto ci riguarda noi continueremo ad impegnarci per la cacciata del Governo Berlusconi, contro ogni inciucio, e per la sconfitta del berlusconismo. Questo elemento per noi vale ovunque, nelle piazze, sopra i tetti, davanti le fabbriche. In particolare riteniamo completamente sbagliata la strada intrapresa dal PD di aprire il dialogo con il governo sulle riforme. E’ una strada che favorisce unicamente Berlusconi e i propositi di manomissione costituzionale. Per questo riteniamo necessario riprendere l’iniziativa di opposizione dal basso, fuori dal Parlamento.Nelle prossime settimane insieme ad altre forze lanceremo 3 referendum, contro il nucleare, contro la privatizzazione dell’acqua, contro la legge 30 e la precarietà. Vi proponiamo di essere tra i promotori dei referendum per proseguire nel percorso cominciato il 5 dicembre.

Ancora buon lavoro amici Viola, a rivederci in tutti i luoghi dell’opposizione.

Paolo Ferrero, Portavoce della Federazione della Sinistra

LOMBARDO TER: FDS, PD SUBALTERNO A LOMBARDO. NECESSARIA UNA RIVOLTA MORALE

La nascita del terzo governo Lombardo dell’inizio della legislatura nel 2008 rappresenta un nuova, grave tappa della drammatica crisi politica ed istituzionale della regione Sicilia.
La Federazione della Sinistra siciliana da tempo ha denunciato l’accordo di potere che si stava saldando tra la destra di Lombardo e Miccichè ed il Pd. Oggi quell’accordo viene alla luce e già vengono promessi nuovi passi tra qualche mese.
Le ipocrisie e gli imbarazzi di fronte al fatto che Lombardo non evita neppure la scandalosa conferma di Armao non fanno che rendere più evidente la subalternità del gruppo dirigente del Pd alle logiche lombardiane. Continua a leggere

Opposizione durissima al governo Lombardo – Miccichè – PD

Dichiarazione di Luca Cangemi, Segretario regionale siciliano PRC

E’ nato il governo Lombardo – Miccichè – PD,  il Partito democratico ha definito un organico rapporto di potere con settori della peggiore destra. L’ipocrisia con la quale i dirigenti del PD stanno, maldestramente, cercando di coprire questa evidente realtà rappresenta un ulteriore elemento di degrado.
La clamorosa presenza dell’assessore Armao, e dei suoi  conflitti di interesse, aggiunge al quadro un altro tocco di berlusconismo. Le forze della federazione della sinistra denunciano da tempo la preparazione di questa gravissima operazione politica, da mesi sottolineiamo che l’assemblea regionale siciliana è stata precipitata in una palude.

Uno scenario caotico, disastroso per la società siciliana, ideale per le più spregiudicate operazioni di potere. Rinnoviamo la richiesta  di porre termine a questa disgraziata legislatura e di riconsegnare la parola alle donne ed agli uomini della nostra terra, facciamo un forte appello a quanti in Sicilia non si rassegnano per la costruzione di un vasto fronte di opposizione politica e sociale.